Google+
Google+
http://www.radiodaltritempi.it/new-page-2/">
Facebook
Facebook
Pinterest
Pinterest
YOUTUBE
YOUTUBE
  • Visite Totali: 140.054
  • Visitatori Totali: 43.691


Convertitore FM

Problematiche inerenti l’abolizione delle trasmissioni radio nazionali in Onde Medie.

Come è ormai risaputo, la Rai ha già cominciato da alcuni anni  l’abbandono delle trasmissioni radio in Modulazione di Ampiezza su Onde Medie.

Le prime conseguenze di ciò sono state, prima la scomparsa dei programmi trasmessi da RAI Radio 2 e da RAI Radio 3  sulla banda delle Onde Medie in tutto il territorio nazionale, e successivamente, la riduzione di copertura dell’unico canale rimasto e cioè RAI Radio 1.

Le vecchie e care radio che avevano soltanto la ricezione in modulazione d’ampiezza in Onde Medie , sono oggi  praticamente inutilizzabili per mancanza di trasmissioni in quella banda.

Cosa possiamo fare per dare nuova voce alle vecchie radio ?

Per ovviare al problema esistono espedienti più o meno economici-ortodossi. Nel seguito ne evidenziamo  caratteristiche, pregi e difetti. Ogni collezionista o amatore che sia, ha il proprio modo di vedere le cose. Ciò può intendere  che l’amatore voglia la radio perfettamente funzionante e originale in tutte le sue parti; per altri è importante avere la massima funzionalità, quindi preferiscono scendere a compromessi e modificare internamente la radio. Di seguito tutte le possibili soluzioni.

 

A – Utilizzo presa FONO.

Commutando la Radio in posizione FONO è possibile far riprodurre dalla parte audio (Amplificatore di BF e Altoparlante) i segnali applicati all’ingresso Fono.  Sullo stesso ingresso possono essere inviati segnali provenienti dalle più svariate fonti e volendo, anche da una moderna radio FM. In questo caso l’originalità della radio non viene minimamente intaccata ma, gli unici comandi che rimarranno utilizzabili saranno quello della regolazione del Volume ed eventualmente del Tono , mentre la sintonia delle  stazioni in FM dovrà essere effettuata sul ricevitore aggiunto. Con un qualche adattamento si può fare alimentare la radio aggiunta ,dal vecchio ricevitore. Questa è sicuramente la soluzione più economica e meno invasiva.

B – Utilizzo di Micro trasmettitore in Onde Medie

In questo caso il segnale proveniente da una moderna radiolina FM viene inviata ad un piccolo trasmettitore a modulazione d’ampiezza in banda Onde Medie. La vecchia radio va sintonizzata sulla frequenza del trasmettitore . Come per la precedente soluzione , la sintonizzazione della stazione FM andrà effettuata sulla manopola della radio moderna aggiunta. Questa soluzione è ancora non invasiva ma presenta gli stessi problemi della prima;  sintonia canali FM dal ricevitore aggiunto, sintonia della vecchia radio sulla frequenza del trasmettitore non proprio semplice.

Da evidenziare il peggioramento della qualità di ricezione provocato dalle ulteriori operazioni di modulazione in AM e successiva demodulazione.  Il costo di un’operazione di questo tipo varia da un minimo di circa 50 euro per poi salire con i trasmettitori più sofisticati.

C – Utilizzo presa FONO con aggiunta di ricevitore moderno ed accoppiamento meccanico per la sintonia

La configurazione sfrutta lo stesso principio di funzionamento descritto al punto A con l’unica variante che, la manopola sintonia del moderno ricevitore FM va accoppiata meccanicamente alla sintonia della vecchia radio tramite pulegge e cordicelle in maniera tale da ottenere le stesse escursioni di sintonizzazione. La qualità di riproduzione è buona. Vengono utilizzati i comandi originali della vecchia radio , sia per la sintonia che per il volume / tono.  L’unica pecca risulta

l’alterazione meccanica sull’originalità della vecchia radio e la difficoltà nel trovare soluzioni di adattamento meccanico specifico per ogni modello di ricevitore. I costi per il materiale risultano contenuti, ma la modifica può risultare costosa in termini di tempi e manodopera.

D – Convertitore ad accoppiamento elettronico

In questo caso il segnale proveniente da un moderno ricevitore FM viene inviato alla parte BF della vecchia radio; la sintonia è pilotata elettronicamente in funzione della frequenza  accordata sul vecchio ricevitore.  In questo caso l’alterazione dell’originalità è minima ( si riduce a saldare 4 o 5 fili senza scollegare quelli già esistenti); è di dimensioni ridotte tali da  permetterne l’occultamento all’interno della radio.

La vecchia radio và commutata in Onde Medie ed al posto delle vecchie trasmissioni in AM si riceveranno le trasmissioni in FM . Qualora si desiderasse ascoltare la modulazione di ampiezza in onde Medie sarà sufficiente togliere l’alimentazione al dispositivo. Il costo di realizzazione per il dispositivo di pilotaggio è di circa 60 euro, le spese di installazione irrisorie.

TABELLA RIEPILOGATIVA

SOLUZIONE INVASIBILITA’ ADERENZA COMANDI QUALITA’ AUDIO COSTO
A Zero Solo Volume/tono Buona Minimo
B Zero Solo Volume/tono Scarsa >= 50 €
C Alta Totale Buona Medio
D Minima Totale Buona >= 60 €

 

Ecco un esempio. Abbiamo utilizzato un convertitore ad accoppiamento elettronico.